Il coniglio pasquale: breve storia di una metamorfosi

Il coniglio e le uova, i due simboli più famosi della Pasqua. Vi siete mai chiesti come mai vengono sempre ritratti insieme?

Secondo un’antica leggenda germanica, la dea Ostara, divinità della primavera da cui deriverebbe la Pasqua, un anno arrivò in ritardo, facendo durare l’inverno qualche giorno in più. Un uccellino, impreparato a ciò, si ferì per il forte freddo, non riuscendo più a volare. Ostara, dispiaciuta per l’accaduto, trasformò l’uccello in un coniglio: in questo modo l’animale riuscì a superare l’inverno. La trasformazione, però, fu incompleta, infatti, l’uccello/coniglio continuò a deporre uova, che decise di regalare a Ostara in segno di gratitudine.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi