Medium: il social magazine che non ti aspettavi

Di Barbara Petrano

È un parente di Twitter, nato da uno dei suoi creatori Evan Williams per estenderne le potenzialità ed ampliare la sua capacità di espressione. Addio ai 140 caratteri!

Medium è una piattaforma social nata nel 2012 per la scrittura e la condivisione di contenuti testuali e visivi senza limitazioni numeriche.

Consente cioè un’esperienza di storytelling più libera e completa a chiunque voglia comunicare i propri contenuti. Può essere quindi definito come una sorta di ibrido tra una piattaforma di blogging ed un social network.

Ha fin da subito coinvolto nomi di un certo calibro del giornalismo online come Evan Hansen di Wired e Felix Salmon di Reuters.com, oltre ad aver acquisito due importanti magazine: Matter ed Epic.

Ma come si usa Medium?

Per usarlo bisogna essere già iscritti a Twitter e accedere così con le proprie credenziali. Una volta fatto l’accesso ci troviamo davanti ad un social dalla grafica pulita ed essenziale.

Per creare un post basta cliccare su “New story” e cominciare a dar vita alla nostra attività editoriale: titolo, sottotitolo, immagini, video e un testo della lunghezza che preferiamo, finalmente.

Attraverso la creazione di una “Collection” è possibile raccogliere i propri contenuti per argomento formando così una sorta di magazine personale che possa ospitare i nostri post e quelli di nostro interesse e dare vita ad una discussione a cielo aperto a chiunque pubblichi o si occupi di contenuti attinenti.

Medium: perché preferirlo a Twitter?

Medium offre soprattutto la long form, quella forma di giornalismo lento, fatto di articoli meditati, spesso molto lunghi, che si oppone alla velocità del web. A differenza di Twitter che esprime contenuti veloci e facilmente scalabili, esso fa da contenitore alle notizie sia scritte da noi stessi che da altri.

Ha funzionamento immediato: basta aprire un account e iniziare a pubblicare. Due click e si è online. Puoi creare un vero e proprio blog con contenuti pertinenti e condividere quelli degli altri.

Senza bisogno di formattare testi, valorizzare la home e rendere l’esperienza del lettore piacevole. È tutto già compreso.

Se avete progetti personali oppure volete diventare blogger, Medium può essere un passo decisivo !

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi