5 proverbi per 5 occasioni

di Francesca Caianiello

Qualunque sia la tua età, il tuo titolo di studio o la tua padronanza dell’italiano, c’è un dettaglio che non può essere trascurato: nulla in certe occasioni rende bene come il dialetto.

Il dialetto si sa, rafforza il concetto.

Proprio per questo ho selezionato questi cinque proverbi, o modi di dire, che rappresentano in modo emblematico alcune situazioni che tutti hanno vissuto o vivranno nella propria vita.

  1. Chi se mette appaura nun se cocca cu ‘e femmene belle.

Letteralmente: “Chi ha paura non si corica con le belle donne”.
Questo proverbio insegna che la regola è una: l’audacia prima di tutto. Osare è la chiave del mondo, tentare, aspirare, ardire. Solo chi rischia può raggiungere e ottenere ciò che tanto brama. Proprio come capita agli uomini. Solo chi ha la tenacia e l’audacia di provarci con una bella donna potrà poi addormentarsi con lei. E non solo…
Eppure c’è un ma. L’audacia non sta solo nella conquista, ma anche nel mantenere e tenere ciò che si è conquistato. I tentatori sono sempre alle porte, bisogna proteggere ciò che si è ottenuto combattendo.

 

  1. Chella cammisa can nun vo’ sta cu’ te’, pigliala e stracciala!

Letteralmente: “Quella camicia che non vuole stare con te, prendila e stracciala!”
Nell’abbigliamento così come nella vita amorosa, gli indumenti – e i sentimenti – che non calzano a pennello, non stanno bene. Eh sì, se quella persona per cui provi tanta simpatia, quasi un affetto, ti fa penare, ti fa pensare e in una relazione con te non riesce a stare, la risposta è facile: pigliala e stracciala! Come la camicia che veste male. La campana per gli abiti smessi si trova per strada, bisognerebbe lasciare lì abiti e sentimenti che non calzano più bene per poter fare nuovi acquisti, sperando siano più soddisfacenti.

 

  1. Quann’ ‘o diavulo t’accarezza ll’anema va truvanno.

Letteralmente: “Quando il diavolo ti accarezza, cerca di prendere la tua anima”
Simpatici a tutti non si può essere. A volte capita però che alcune persone ostili si mostrino improvvisamente gentili. Che si siano redente? A pensar male si fa peccato… Ma non si sbaglia quasi mai! Proprio così, questo detto riassume emblematicamente la situazione in cui una persona di solito maldisposta inizia a mostrarsi improvvisamente gentile e interessata, perché mossa intimamente da un proprio tornaconto. E se il diavolo ti accarezza… Scappa!

 

  1. Cu ‘nu sì te ’mpicce e cu ‘nu no te spicce.

Letteralmente: “Con un sì ti impicci e con un no ti sbrighi”
È vero, è vero, l’omertà non dovrebbe mai essere la risposta… Ma quante volte per aver risposto con un semplice  “sì” a una domanda si è stati bombardati di quesiti per avere ulteriori spiegazioni? A volte per il vivere sereno un “no” può risparmiare tanti problemi…

 

  1. ’O purpo se coce ‘int all’acqua soja.

Letteralmente: “Il polpo si cuoce nella sua acqua”
Ci sono alcuni caratteri con cui è difficile avere a che fare. Alcune persone quando si arrabbiano sono ingestibili, non c’è modo di farle calmare. L’unica soluzione è lasciare che “cuociano nella propria acqua” che il nervosismo così come è arrivato, vada via da solo. L’espressione, però, racchiude più significati di quanto sembri, può anche essere utilizzata con tono rassegnato, per sottolineare una situazione in cui una persona a cui si è dato un consiglio continui a ostinarsi a fare a modo suo e, di fronte all’ennesima disfatta, c’è un solo commento da fare: “’o purpo se coce ‘int all’acqua soja”!

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi