Avalokiteśvara

– Nel Buddhismo Mahāyāna viene considerato il bodhisattva della grande compassione.

– Sebbene sia al centro di numerosissime pratiche religiose e spirituali diffuse in tutta l’Asia non vi sono fonti certe      sull’origine di questa figura e sul significato del nome stesso, che trova in base alle lingue (cinese, tibetano, sanscrito, ecc…) diversi significati. In sanscrito il nome può essere tradotto come “Signore che guarda” mentre in tibetano viene tradotto come “Signore dallo sguardo compassionevole”.

– Tradizionalmente viene rappresentato con undici teste e mille braccia. Tale rappresentazione simboleggia l’azione concreta del bodhisattva dell’ascoltare i dolori di tutti gli esseri viventi e agire affinché vi possa essere sollievo, finché nel mondo non ci saranno più dolore e sofferenza.
– Compare nel romanzo cinese Viaggio in Occidente.
– A lui viene attribuito il mantra delle sei sillabe: Oṃ Maṇi Padme Hūṃ.

 

https://www.youtube.com/watch?v=iG_lNuNUVd4

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi