Ritornare

“[…] io non provo alcuna nostalgia delle mie cose lontane; o meglio, non riesco a sentirmele lontane. Tutte le cose che amo sono in me, radicate nel mio cuore, immerse nel mio sangue; e tutte concordemente, potentemente mi spingono verso qualcosa che non è dietro di me, ma davanti a me. Vedo l’avvenire duro che brilla e non rimpiango il passato molle, che s’oscura. Tutto ciò mi ha stupito fino ad oggi: io ero sicura di soffrire una nostalgia terribile; e invece non la soffro affatto. E quasi me lo rimproveravo, come si rimprovera di non saper piangere abbastanza.”

Antonia Pozzi, L’età delle parole è finita, Lettere 1923-1938, Lettera a Lucia Bozzi del 17 luglio 1931

 

Foto di Luisa Ruggiero

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi