L’etimologia dei sentimenti intraducibili: Wabi-sabi

Wabi-sabi è un sostantivo giapponese che indica il ricercare la bellezza nell’imperfezione delle cose.

Rappresenta un vero e proprio stile di vita, che comprende la serena accettazione del processo naturale di nascita, crescita e morte.

É divenuto, inoltre, un filone artistico molto diffuso, basato sull’unione di un’estetica austera (wabi) e rustica (sabi), costituendo l’insieme di due opposti che si sposano perfettamente fra di loro.

immagine di Serena Barton

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi