Un genio modesto

Che non avesse un carattere mite era chiaro a tutti. Bizzoso toscanaccio, Michelangelo Buonarroti, era un uomo lacerato da passioni contrastanti, che lo rendevano inquieto, agitato e turbolento.
Tra le sue innumerevoli fissazioni c’era quella di non voler firmare le sue opere poiché lo riteneva un riprovevole atto di orgoglio.

La Pietà conservata nella Basilica di San Pietro in Vaticano, è l’unico suo lavoro a recare un “M”. Le altre lettere sono meno visibili, probabilmente poiché le ha incise con minore convinzione, a riprova del fatto che si è amaramente pentito di aver marcato il marmo in quel modo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi