5 curiosità mediche che (forse) non sapete

Cultura vuol dire anche informazione scientifica e informazione vuol dire soprattutto divertimento: vediamo qualche curiosità sul mondo della Medicina.

Medicina non vuol dire solo serietà e rigore. Questa disciplina è ricca di aneddoti storici apparentemente buffi che fanno vincere premi Nobel, dello studio di meccanismi perfetti ed eleganti che dominano il nostro stesso corpo e che mai immagineremmo, di affascinanti e cruciali scoperte che ogni giorno salvano o agevolano la vita di tutti noi. Vediamone alcuni.

1) Quella del trapianto è una pratica medica estremamente complessa e rischiosa, nonostante ciò è una delle più grandi vittorie della medicina moderna. Volendo andare indietro nel tempo potremmo però rimanere sorpresi scoprendo che il primo vero e proprio trapianto risale al diciassettesimo secolo ed è la trasfusione sanguigna. Secondo le fonti pare che già i popoli precolombiani praticassero quest’attività, agevolati inconsciamente dal fatto che fosse molto diffuso il gruppo “0”.

2) Il sistema nervoso è uno dei compartimenti più oscuri e complessi del nostro organismo.  Difficilissimo da studiare per la delicatezza delle sue strutture, è tuttora in larga parte avvolto da mistero. Tutto ciò che sappiamo è perciò dovuto soprattutto a informazioni ottenute indirettamente analizzando rapporti causa/effetto: negli anni neurochirurghi e ricercatori sono riusciti a risalire a specifiche funzioni di una struttura osservando i deficit che venivano a manifestarsi in caso di un intervento sfortunatamente andato male, oppure andando a ritroso a partire dai danni causati da una patologia.

3) Helicobacter Pylori è il batterio responsabile della stragrande maggioranza dei casi di ulcera gastrica. Fino a pochi anni fa non si sapeva che la causa di questa condizione fosse proprio un microorganismo. Questa è stata una scoperta cruciale, tanto che è valsa un premio Nobel. Per dimostrare l’associazione, gli scienziati Warren e Marshall bevvero letteralmente un bicchiere di H. Pylori, causandosi volutamente un’ulcera e trattandola con antibiotici, dimostrando in questo modo che era un batterio a determinare la malattia.

4) I testicoli sono una parte fondamentale dell’apparato genitale maschile, sede della nascita degli spermatozoi. Durante lo sviluppo embriologico si formano nella cavità addominale e solo successivamente migrano verso l’esterno, accolti nello scroto. Come mai? Il motivo è strettamente funzionale: la formazione degli spermatozoi può avvenire solo ad una temperatura di qualche grado inferiore a quella dell’addome, che è di circa 37°. Per la spermatogenesi la temperatura è un fattore cruciale, tanto che lo scroto è dotato di un sistema muscolare che contraendosi permette di allontanare o avvicinare i testicoli all’addome per riscaldarli o raffreddarli in base alle esigenze.

5) Il cancro della mammella è uno dei big killers, ovvero uno dei tumori in assoluto più diffusi, ma che grazie alle moderne terapie, se individuato precocemente, può essere trattato. Uno dei fattori di rischio principali è l’esposizione agli estrogeni. Sappiamo però che i cambiamenti fisiologici che si hanno durante la gravidanza implicano anche una riduzione della produzione di estrogeni. Possiamo quindi dire che il numero di gravidanze è un fattore protettivo rispetto a questa forma di cancro.

Leggi anche   Tre infezioni sessuali che non vorreste mai avere 

Domenico Macari

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi